Home Cinema e Serie TV Winter is coming, per il 31 Marzo meglio farsi trovare al caldo

Winter is coming, per il 31 Marzo meglio farsi trovare al caldo

0

Attenzione, SPOILER in arrivo!

Quando iniziai a seguire il Trono di Spade ero scettico: non mi sembrava opera diversa dalla vagonata di fantasy simil-medievali da cui la tv, puntuale come le tasse, spreme tutto il potenziale per dissetarsi il gozzo. Ad oggi, subìto a spese del mio orgoglio l’Effetto Ciliegia (un episodio tira l’altro), ammetto con virginale candore di essermi sbagliato. Il Trono di Spade, o Game of Thrones per gli esterofili come il sottoscritto, mi ha stregato.

L’episodio conclusivo della seconda stagione ci ha lasciati con un diffuso senso di impazienza che è andato dilatandosi dal primo all’ultimo frame, senza pause, e che ancora oggi banchetta coi nostri nervi.

Perché mai dovremmo rassegnarci a non veder glorificato l’eroismo di quel piccolo grande uomo che è Tyrion Lannister, depauperato della spilla di Primo Cavaliere e lasciato in un buio stanzino a smaltire l’umiliazione della solitudine? E che dire di Arya Stark? La giovane e focosa figlia di Eddard Stark si sta incamminando sul sentiero che conduce al palazzo patrio di Grande Inverno, nel frattempo saccheggiata e data alle fiamme, in compagnia di tal Frittella. E mentre Stannis Baratheon prende sempre più le sembianze fondamentaliste del guerriero crociato/jihadista, quel condottiero ribelle di Robb Stark si prepara a rompere un importante patto d’onore per amore della bella Talisa, che sposa in gran segreto.

Abbiamo tutti tirato un sospiro di sollievo (ammettetelo!) quando l’odioso sbarbatello che pascola impunito sotto la corona di Approdo del Re ha ripudiato Sansa per sposare Margaery, ma allo stesso tempo il supporto che il doppiogiochista Baelish ha prestato alla maggiore delle figlie Stark ci ha un attimo disorientato: è il suo Diavolo (permettetemi questa metafora boccacciana), che notoriamente batte per Catelyn, a muoverlo sullo scacchiere? La nostra impazienza avrà requie solo nella notte del 31 Marzo prossimo, per la première della Terza Stagione. Intanto ricordatevi che Daenerys sta arrivando coi suoi cuccioli. Speriamo però che la Madre dei Draghi non prenda alla lettera il suo nomignolo e non le venga in mente di allattarli.

Bene, dopo questo doveroso riepilogo lascio il passo a una chicca: nella nuova stagione vedremo ben 14 nuovi personaggi. Accogliamo dunque nella nostra cerchia di simpatie la Regina di Spine, Orell lo zoo-telepate, il cavaliere Blackfish Tully, Missandei la schiava poliglotta, Shireen Baratheon la topa (di biblioteca), il Prete Rosso e, dulcis in fundo, il mio preferito: Jojen Reed, interpretato da quel Thomas Brodie-Sangster che monta una voce da James Bond su un faccino da liceale e ci conquista con l’irresistibile accento british alla Sherlock Holmes.

Molta carne al fuoco, preparate caffè e ammazzacaffè.

 

Nessun commento

Lascia una risposta