Who: Olimpiadi, nuovo tour 2012 e autobiografia per Pete Townshend

0
1274

A Londra fanno davvero le cose in grande per le prossime Olimpiadi, e anche i musicisti coinvolti sono all’altezza dei preparativi fastosi in cui è proiettata la città.

the who olimpiadi 2012 londra tour Pete TownshendDopo la sigla dei Muse e il brano dei Chemical Brothers, arriva la notizia che a chiudere la cerimonia di chiusura (perdonate il gioco di parole) saranno gli Who, e a confermarlo è proprio Pete Townshend, nella conferenza stampa di ieri: “Abbiamo inciso un pezzo adattissimo all’occasione. Non è tanto per la tv, è perché è importante essere riusciti a fare grande musica con gente intorno che da otto anni lavora al progetto delle Olimpiadi”.

La conferenza, però, era stata indetta per fare un altro annuncio, forse più interessante, e cioè che il gruppo storico del rock mondiale tornerà sul palco per l’intera rappresentazione di “Quadrophenia” a 40 anni dall’uscita. Il tour americano parte il primo novembre da Sunrise, vicino Miami, in una location molto moderna: un’arena immersa nei centri commerciali. Con Townshend c’era Roger Daltrey, che ha candidamente confessato: “Siamo ansiosi di cominciare il tour, non so fino a quando riuscirò ancora a cantare in questo modo. Lo facciamo ora prima di cedere morti”.

In conferenza stampa è venuto fuori anche il prossimo progetto di Townshend: è in fase di scrittura una autobiografia “Who I Am”, sulla quale, ha detto il chitarrista, gli editor hanno dovuto mettere le mani, perché considerata troppo colorita. Il libro uscirà il prossimo 8 ottobre, mentre a chiudere la conferenza stampa, una dichiarazione molto particolare relativa al concerto di Providence, che si terrà il 26 febbraio: per avere accesso all’evento sarà valido anche il biglietto del concerto degli Who del 1979, annullato dal sindaco 33 anni fa.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here