Home Music History The Rolling Stones: 12 x 5 (Decca, 1964)

The Rolling Stones: 12 x 5 (Decca, 1964)

1

Se nell’omonimo lavoro d’esordio gli Stones si rolling stonespresentavano come giovani leve ancora in cerca di una precisa identità musicale, il suo séguito testimonia la compattezza e la maggiore sicurezza createsi all’interno del gruppo. Non deve stupire che 12 x 5 sia stato pubblicato a pochi mesi dal primo album.

La prassi seguita nell’assemblare il lavoro, infatti, non si distaccò minimamente da quella collaudata col precedente long playing: si tratta essenzialmente di una raccolta di cover cui è stato assommato qualche pezzo originale.

Le innovazioni però ci sono, e sono più che sensibili. In termini di presentazione, anzitutto: stavolta gli autori e le fonti citate dai cinque sono accuratamente riportate nei credits, evitando l’imbarazzante accozzaglia di appropriazioni indebite del primo lavoro.

A seguire, deve osservarsi come la principale nota positiva del lavoro risieda nella maggiore sicurezza di esecuzione: i pezzi riletti rivivono per buona parte di luce assolutamente nuova e personale. Si prenda ad esempio la cover della Around And Around di Chuck Berry: l’energia del pezzo originale viene a crescere – specialmente nel finale, dove la ritmica è arricchita dalle sferzate sui piatti da parte di Charlie Watts – facendone una delle riletture più efficaci e riuscite dell’intera discografia Stonesiana.

the rolling stones recensioneLe altre cover, pur non brillando per incisività come Around And Around, non sono comunque trascurabili. È il caso, ad esempio, di Suzie Q (la stessa che verrà ripresa in seguito, e con ben altri risultati, da Fogerty ed i suoi Creedence Clearwater Revival) oppure della Confessin’ The Blues attinta dal solito Chuck Berry, le quali risultano decisamente gradevoli nonostante il loro andamento molto contenuto. Molto buone anche le riproposizioni di pezzi piuttosto in voga all’epoca, al punto che alcuni di essi sono divenuti dei classici: in particolare, il riferimento va a Time Is On My Side e It’s All Over Now.

La prima, riportata sull’LP in versione differente da quella edita su 45 giri, è divenuta un classico Stones per via della sfrontatezza con cui riuscì a veicolare il suo significato originario, fungendo quasi da innocente apripista a quella Sympathy For The Devil che nel ’68 farà tanto discutere: a renderla distintiva dal punto di vista melodico sarà invece la sua struttura, esplicitamente ricondotta a quella dei lenti da antologia degli anni ’50. It’s All Over Now spicca senza dubbio per la sua vena smaliziata, forte di una notevole orecchiabilità, che indulge più allo scherzo beat che ad una reale situazione di tormento sentimentale.

Ancora acerbi, invece, i prodotti della coppia Jagger/Richards; pezzi traboccanti di maniera, come Congratulations, rientrano né più e né meno nella categoria delle languide ballate anni ’60, di quelle che facevano liquefare schiere di ragazzine ma senza ulteriori pretese. Mediocre destino anche quello di Grown Up Wrong, insipido blues elettrico collocato nell’LP giusto a titolo di filler; meno anonime, magari, Good Times Bad Times, ennesima prova blues del gruppo che a tratti può dare persino l’impressione di essere originale, oppure Empty Heart (edita sotto lo pseudonimo di Nanker Phelge), caratteristica per le sguaiate incursioni di Keith Richards come seconda voce che presto diverranno uno dei tratti distintivi del gruppo.

Merita particolare attenzione lo strumentale 2120 South Michigan Avenue. Si tratta di un blues molto cadenzato recante nel titolo un omaggio agli studi della leggendaria Chess Recordsm situati appunto a Chicago al 2120 di South Michigan Avenue; agli ascoltatori più attenti si segnala come tale brano possa assumersi quale sorta di bozza vaga ed esemplificata di un altro celeberrimo pezzo del gruppo che, pubblicato l’anno seguente, avrebbe definitivamente stravolto l’entendre musicale dei decenni successivi: I Can’t Get No (Satisfaction).

Tracklist:

12x5 rolling stones1. Around And Around
2. Confessin’ The Blues
3. Empty Heart
4. Time Is On My Side
5. Good Times, Bad Times
6. It’s All Over Now
7. 2120 South Michigan Avenue
8. Under The Boardwalk
9. Congratulations
10. Grown Up Wrong
11. If You Need Me
12. Suzie Q


1 commento

Lascia una risposta