Home Tags Posts tagged with "Hip-Hop"

Hip-Hop

0

È una delle donne più belle di Hollywood, vincitrice di un premio Oscar e attrice protagonista dell’ultimo film dei fratelli Wachowski. Halle Berry è una splendida 46enne ed ora è anche la più citata nelle canzoni hip hop, una vera e propria musa, termine di paragone e di bellezza per moltissimi artisti del genere e, strano a dirsi, anche per artiste.

L’utilizzo del name dropping, ovvero la citazione di personaggi famosi nelle canzoni hip hop, è sempre più diffuso nel genere musicale e sembra proprio che l’attrice afro-americana sia una fonte inesauribile di riferimenti e citazioni.

Cominciamo da una citazione al femminile, con Missy Elliot che in un suo brano dice di non essere bella quanto Halle Berry, e passiamo a Hurricane Chris che le ha dedicato una canzone “Halle Berry (She Fine)”, Notorius B.I.G, l’ha citata nel pezzo “Mac and Dons” mentre descrive la donna ideale.

Master P l’ha incrociata con Janet Jackson e halle barry hip hop sexyTina Turner per creare la perfetta donna di quartiere, oltre alle altre citazioni e gli altri artisti, come Big L (“8 Iz Enuff”) o Kool Keith (“Run Rap”), ma anche giovani stelle come J Cole in “Higher”, Skillz (“’08 Rap Up” ) e Man Afro (“Whack Rappers”), fino ai grandi del genere come Jay Z (“Threat”) o Kanye West (“Apolagize”).

Il rapper Kendrick Lamar, che fra poco sarà live a Milano, cita, per ultimo in ordine di tempo, la bella attrice nata in Ohio nel pezzo “Money Trees”.

0

È H.A.M. il nuovo singolo hip-hop nato dalla collaborazione fra Jay-Z e Kanye West. Il brano, atteso ormai da qualche tempo, fa da apripista al nuovo album Watch The Throne e sta già facendo parlare largamente di se online.

Se infatti da un lato sono molti i fan che additano H.A.M. come possibile hit al centro delle classifiche americane ed europee, dall’altro c’è un folto gruppo di persone che disprezzano totalmente il brano.
Beh certo è che H.A.M. è un pezzo molto molto particolare. E c’è davvero da chiedersi come sia venuto in mente a Jay-Z e Kanye West di realizzare una canzone di questo tipo. H.A.M. è inizialmente quasi claustrofobico. La metrica attanaglia l’ascoltatore, ingabbiandolo in una base pungente e in un insieme di parole quasi afone. Eppure, ecco che ad un certo punto tutto cambia. I sottofondi lirici che si sentono negli incisi prendono il sopravvento. Effetti vocali si sovrappongono e il pezzo si apre con degli archi.

La lirica diventa predominate sul resto, creando strani echi e voci che si accavallano. Ma non è ancora tutto, perché il pezzo si stravolge nuovamente. Un vocalizzo soave si rincorre sulle note di un piano per quasi un minuto… il tempo necessario per un ulteriore cambio di prospettiva, che riporta H.A.M. alla base originaria.

Insomma, un pezzo più facile da ascoltare che da descrivere. Anche se l’ascolto non è certo semplice. È necessario assaporare a fondo H.A.M. e risentirla più volte per coglierne tutte le sfumature.

A noi viene da fare i complimenti a Jay-Z e Kanye West, perché se non altro in questo pezzo hanno dimostrato di avere fantasia ed ecletticità da vendere. Il risultato poi, può piacere o non piacere, ma è degno di nota.

Prima di lasciarvi alla traccia musicale vi sveliamo il significato di H.A.M. La sua versione originale sarebbe Hard As a Motherfucker; e si spiega da se perché i due rapper abbiano deciso di abbreviarlo con la sigla H.A.M.

2

Vi abbiamo parlato solo poche ore fa della 40 Ladroni Records, l’etichetta firmata Louis Luigi Montanino (in arte G-LU) dedicata completamente al mondo Hip-Hop ed R’N’B. Ed ecco già uscire il primo singolo: Vita Mia. Ovviamente non poteva mancare un video, ben girato e che vi riportiamo al termine di questo post.

Ma chi partecipa a questo brano? Quattro sono gli artefici, gli artisti…gli MC… che si alternano fra le strofe di Vita mia. In sottofondo ci sono i vocalizzi di G-Lu (che canta anche il ritornello), con un’incalzante melodia ben ricamata e che crea un base davvero avvolgente. Gli MC veri e propri, invece, sono: Er Gitano, Saga e Mr.Cioni.

Tre artisti in grado di rendere a pieno le parole che definiscono la metrica dei testi. Una canzone che parla di vita, di scelte e strade pericolose.

Alza gli occhi al cielo, stringi i denti, l’angelo custode ti consola i tuoi lamenti. Sto pregando e spero, che mi senti. La vita amara che ti vivi come fuochi spenti. Non mi sembra vero, ma che tempi, dicono che siamo malfamati e delinquenti. Dentro già il veleno, altrimenti, vieni giudicato a seconda chi frequenti”. Queste le strofe del ritornello, che probabilmente dicono più di quanto si possa descrivere.

Ancora non si sa molto sul possibile album in uscita targato 40 Ladroni Records. Secondo alcuni rumors online, però, sembrerebbe che fra marzo e aprile dovrebbe uscire un disco. Non resta che attendere e vedere come andrà.

Per il momento vi lasciamo al video ufficiale di Vita mia. Ascoltatelo e, come sempre, diteci cosa ne pensate.

1

Si chiama 40 Ladroni Records, è firmata Louis Luigi Montanino (in arte G-LU) ed è la prima etichetta dedicata completamente e a 360 gradi all’universo Hip-Hop e R’N’B.

Per chi segue la musica nella sua totalità, spaziando e conoscendo bene anche la cultura Hip-Hop, sa bene quanto questo mondo sia radicato nell’underground. Molti sono i rapper e gli artisti di talento legati alla doppia H, ma emergere è difficile. Specialmente in un paese come l’Italia, con un’indole prettamente volta a premiare la musica leggere e “standard”. In più, L’hip-Hop, non può avvalersi nemmeno di case discografiche di spicco ad esso dedicate (quantomeno a 360 gradi).

Ed è proprio in risposta a tale esigenza che giunge 40 Ladroni Records, creata da G-LU. Si, va bene direte voi. Ma chi è questo G-LU? G-LU è il nipote di un grande artista: Coolio. Volendo ripercorrere la sua vita, Louis Luigi Montanino nasce il 10 luglio del 1974 e comincia ad affermarsi nel mondo dell’Hip-Hop, del soul e dell’r’n’b fin da subito (buon sangue non mente). Molte sono le esperienze musicali che attraversano la vita di G-LU. In primis con il suo gruppo i Good Guyz, con i quali comincia ad accompagnare in tournee grandi nomi del panorama musicale internazionali. Non parliamo di artisti sconosciuti ai più, ma di rapper del calibro di: Snoop Dogg, Busta Rhymes e gli Outlawz.
Insomma una carriera in continua ascesa quella di G-LU, che ovviamente ha anche collaborato a importanti produzioni artistiche con lo stesso Coolio. Ne sono un esempio: Returno of Da Gangsta e G-Walk; progetti con cui è entrato di getto nelle classifiche di tutto il mondo.

Ma la vita è strana e può capitare che ad un certo punto della sua vita, anche un personaggio come G-LU torni in Italia e magari si trasferisca a Roma. Metti poi il caso che G-LU cominci a collaborare con i rapper dell’hinterland romano; e veda quanto li.. nel sangue.. scorra davvero quell’Hip-Hop che nulla ha da invidiare al più famigerato HH di oltreoceano. Bene, mettete insieme tutte queste cose e metteteci anche il fatto che G-LU è rimasto affascinato dal talento dei rapper nostrani ed ecco saltare fuori la 40 Ladroni Records: etichetta specializzata tanto in Hip-Hop quanto in R’ n B’ e con due sedi. Una in Italia e l’altra Germania. Ovviamente G-LU, oltre che fondatore della 40 Ladroni Records, ne è anche compositore ed editore.

Progetti? Certamente molti in cantiere e già uno in uscita dal nome Vita mia. Questo fa da singolo, forse ad un probabile futuro album (ndr), dove l’originale canto di G-LU si fonde alla verve di tre rapper: Er Gitano, Saga e Mr.Cioni.

Seguici anche sui social

2,003FansLike
101Subscribers+1
158FollowersFollow