Home Novità Rocco Hunt, Vieni con me è il nuovo singolo: audio e testo...

Rocco Hunt, Vieni con me è il nuovo singolo: audio e testo della canzone

0

Rocco Hunt torna con un nuovo singolo dal titolo Vieni con me, brano estratto dall’album del giovane rapper salernitano intitolato ‘A Verità. La nova canzone firmata Rocco Hunt è in rotazione radiofonica dallo scorso venerdì 16 maggio e siamo certi che a breve vedrà arrivare sul Web anche il rispettivo video ufficiale. Al momento, infatti, non è stato rilasciato alcun clip legato al brano.

Vieni con me arriva a breve distanza dal primo singolo estratto dal nuovo album di Rocco Hunt, ovvero Nu juorno buono: canzone che ha fatto registrare, ad ora, qualcosa come quasi 12 milioni di visualizzazioni in circa 3 mesi. Un risultato davvero importante per un ragazzo di 19 anni, che sebbene così giovane ha già vinto l’ultima edizione del Festival rocco hunt vieni con me nuovo singolodi Sanremo, categoria Nuove Proposte e raggiunto il traguardo del disco d’oro per aver venduto più di 25 mila copie dell’album ‘A Verità.

Successo su successo che fa presagire un nuovo colpo al centro anche per questo nuovo singolo Vieni con me. Di seguito trovate il video di ascolto e a seguire il testo. Appena sarà disponibile il video ufficiale vi aggiorneremo con un nuovo post.

Rocco Hunt – Vieni con me

Vieni con me che ti porto dove sono nato,
nel posto che mi ha reso un uomo e mi ha educato.
Sono cresciuto qui, sotto questo porticato
e per me poter viaggiare pensa quanto bello è stato.
Tu guardi fisso il mare,
per te non è normale,
Averlo qui a due passi e vederci il sole tramontare.
I bambini con i castelli di sabbia
insegnano agli adulti a distruggere i castelli di rabbia.
Il vento in faccia sullo scooter,
la macchina di amici col subwoofer,
brindiamo alla salute.
Vien cu’mmé, che ancora non hai visto niente.
Stasera lungomare, man e man n’miez a gente.

Vieni con me
‘ca te port int a nu post assaj cchiù bell verè
Abbracciat a riva e mare guard e stell e carè
con te ho fatto un’eccezione,
nun chiur l’uocchi quando bacio a na guaglion
Vieni con me
ca te port int a nu post ca nun può mai sapè
dove nessuno può sentire e a gente nun pò verè
con te ho fatto un’eccezione,
comm vuless ca nun ferness sta stagione.

Guagliò, guagliò.
Guagliò, guagliò.

Che tranquillità,
cellulari spenti e cuori aperti
spegni i social ed accendi i sentimenti
era più bello da bambini,
spensierati ed innocenti
e ch ce pozz fà,
rimpiango spesso i vecchi tempi.
Vieni con me,
stasera cena, ti porto in costiera
niente lume di candela, il cielo già fa scena.
Quando ti parleranno male del mio sud
tu rinnega tutto e falli scendere quaggiù
E spegni la tv,
tutte quelle parole non ci toccheranno più
bruciano col sole, un salto nella tradizione,
nun ce sta paragone.
E andiamo dai miei amici,
sent già nu buon addor.
E non ridere quando parlo in dialetto
è una lingua per l’Unesco
quindi porta più rispetto.
Questa gente non ha niente,
però sorride sempre,
e se non parlo col dialetto,
a stì person chi e difend?

Vieni con me
ca te port int a nu post assaj cchiù bell verè
Abbracciat a riva e mare guard e stell e carè
con te ho fatto un’eccezione,
nun chiur l’uocchi quando bacio a na guaglion
Vieni con me
ca te port int a nu post ca nun può mai sapè
dove nessuno può sentire e a gente nun pò verè
con te ho fatto un’eccezione,
comm vuless ca nun ferness sta stagione

Nessun commento

Lascia una risposta