Home Tecnologia Rivoluzione Facebook: ora permette di telefonare gratis!

Rivoluzione Facebook: ora permette di telefonare gratis!

0

Facebook perde soldi in borsa e, a quanto pare, anche utenti, ma Mark Zuckerberg non è tipo da sedersi sconsolato a piangere sul latte versato. Una delle prossime mosse del colosso dei social network, difatti, sarà quella di permettere ai propri utenti di telefonare gratis tramite Internet.

Una mossa quasi a sorpresa, rivolta a rintuzzare gli attacchi di Microsoft e Google, chiaramente, ma anche a riguadagnare fiducia da parte degli investitori e nuovi utenti. Il tutto sarà realizzato tramite la prossima versione di Facebook Messenger per Android e iOS, che permetterà di inviare ad altri utenti non solo i classici messaggi testuali, ma anche messaggi vocali della durata massima di un minuto.

Potrebbe sembrare una cosa inutile, ma attenzione: questa non è che la prima fase di una strategia in due mosse, la seconda delle quali prevede la possibilità di telefonate gratuitamente, un servizio che per ora Facebook si limita a sperimentare solo in Canada e solo sui dispositivi con sistema operativo iOS. Si presume, però, che la cosa venga presto estesa agli altri Paesi e ai dispositivi on sistema operativo Android.

L’obiettivo non dichiarato, ma palese, facebook telefonate gratisdi Facebook è quello di diventare la più grande rete telefonica privata su connessione VoIP del Mondo, e bisogna dire che il potenziale ce l’ha tutto, grazie ad un bacino di utenti superiore al miliardo di unità, 23 milioni dei quali nella sola Italia.

Se il progetto andrà in porto a farne le spese potrebbe essere soprattutto Skype, che al momento conta circa 700 milioni di utenti VoIP sparsi in tutto il mondo. Ma questa novità rischia di far molto male anche ad un’altra applicazione molto utilizzata per la messaggistica su Internet: WhatsApp, che, tra l’altro permette anch’essa di inviare messaggi vocali, anche se solo su Windows 8.

Vedremo in seguito come evolverà la situazione.

Nessun commento

Lascia una risposta