Microsoft coinvolta nel caso datagate: Windows corre ai ripari

0
1035

Le nuove rivelazioni del caso datagate scuotono anche Microsoft e le sue onde di crisi si espandono fino a lasciare una profonda frattura sulla finestra di Windows. Secondo le ultime notizie trapelate dalle dichiarazioni di Edward Snowden pubblicate poi su Guardian: <<Microsoft ha collaborato in modo molto stretto con i servizi di intelligence Usa per consentire di intercettare le comunicazioni dei suoi utenti, aiutando la Nsa a decodificare il proprio sistema e aggirare quindi i blocchi all’accesso.>>

Anche Skype, acquistata nel 2011 da Microsoft, avrebbe collaborato fornendo la cronologia delle conversazioni effettuate via chat da tutti i suoi utenti, grazie anche al nuovo sistema fornito da Outlook.com.

La controparte cerca di difendersi dichiarando NSA and Microsoftche << Redmond non concede e non offre al governo nessun accesso diretto a nessuno dei suoi prodotti. Abbiamo chiari principi che guidano le nostre risposte alle richieste del governo per le informazioni sui consumatori e solo in risposta a richieste del governo su specifici account rilasciamo i dati sensibili>>.

Questa vicenda sta logorando tutte le parti coinvolte diventando ormai una guerra contro la privacy senza precedenti, il che metterà a rischio non solo tutti i futuri progetti delle aziende ma soprattutto la fiducia del consumatore nei confronti dei prodotti forniti dalle grandi società informatiche.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here