Home Cinema e Serie TV Madagscar 3, ricercati in Europa: colonna sonora e recensione

Madagscar 3, ricercati in Europa: colonna sonora e recensione

0

Dopo il successo straordinario dei primi due film e dei vari spin-off televisivi dedicati ai Pinguini, torna al cinema la gag di Madagascar, per il terzo episodio in 3D.

madagascar 3 soundtrackQuesta volta Alex il leone, Marty la zebra, Gloria l’ippopotamo e Melman la giraffa ipocondriaca sono costretti ad unirsi ad un circo itinerante per cercare di tornare nel loro zoo a New York City. Purtroppo gli amici sono ignari del fatto che questo circo sta per cominciare una tournee in Europa. Torna al cinema quindi non solo il colore e l’allegria, ma anche la musica di Madagascar, e come negli episodi precedenti, anche qui ci sarà da scatenarsi in pista.

Come da copione Hans Zimmer, già autore delle due prime colonne sonore, mette insieme una soundtrack d’effetto per accompagnare i quattro amici nel loro viaggio avventuroso. Il lavoro di Zimmer in questo caso però non è come al solito originale e significativo, ma si diverte a nascondersi e camuffarsi dietro altre note, molto conosciute, così come i personaggi del film si mascherano da clown colorati e impazziti.

Ad esempio il brano “Game On” composto per il film ricorda vagamente le famose note di John Williams per Lo Squalo, mentre chiari sono i riferimenti in “Gonna Make You Sweat (Everybody Dance Now)” e “Wannabe” entrambe cantate da Danny Jacobs. Fondamentale l’influenza della trama nella colonna sonora dal momento che ogni Paese europeo attraversato dal tour condiziona in qualche modo la musica che lì ascoltiamo e così abbiamo note che ricordano la tradizione russa, francese o britannica, tutte corredate dalla grande esperienza di Zimmer e della sua capacità di comporre musica di alto livello per qualsiasi occasione.

Inoltre nella track list compaiono brani molto Madagascar 3 recensione filmnoti comeFirework” di Katy Perry e We No Speak Americano” degli australiani Yolanda Be Cool. Non poteva mancare infine il tormentone “I like to move it”, già abbondantemente apprezzato (fino alla nausea) nel secondo episodio e qui riproposto in una versione riarrangiata cantata da Chris Rock, doppiatore americano di Marty la zebra.

E’ pur vero però che nei momenti tutti per sé, il buon vecchio Hans mette il suo marchio, regalando ancora una volta note di grande emotività e classe, come nel caso di “New York City Surprise”. Non solo musica “da film” quindi ma anche influenze pop, rap e dance, per un film che promette di essere un carnevale di colori, note e animali, senza dimenticare i simpaticissimi lemuri e i pinguini, che immancabili spalle, seguono i nostri nel loro giro del mondo.

 

TRACKLIST:

1. New York City Surprise – Hans Zimmer
2. Gonna Make You Sweat (Everybody Dance Now) – Danny Jacobs
3. Wannabe – Danny Jacobs
4. Game On – Hans Zimmer
5. Hot In Herre – Danny Jacobs
6. We No Speak Americano – Yolanda Be Cool
7. Light The Hoop On Fire! – Hans Zimmer
8. Fur Power! – Hans Zimmer
9. Non Je Ne Regrette Rien – Frances McDormand
10. Love Always Comes As A Surprise – Peter Asher
11. Rescue Stefano – Hans Zimmer
12. Firework – Katy Perry
13. Afro Circus/I Like To Move It – Chris Rock

 

Nessun commento

Lascia una risposta