Home Musica Led Zeppelin, countdown a -1. Ipotesi su ipotesi…

Led Zeppelin, countdown a -1. Ipotesi su ipotesi…

0

Domani è il giorno, e allora finalmente sapremo.

led zeppelin dvd nuovo 2012Non sembrano esserci più dubbi sul fatto che ad essere pubblicata sarà la documentazione visiva della Reunion alla O2 Arena di Londra, evento che nel 2007 mandò in frantumi ogni soglia mentale relativa all’idea stessa di mobilitazione mondiale per un simile evento con l’orda oceanica delle venti milioni di prenotazioni in meno di 24 ore, prima che si decidesse di azzerare le prevendite (ma va?) e assegnare i 21.000 biglietti disponibili per sorteggio nominale. Sarebbe stato interessante lasciare tutto aperto per il tempo originariamente previsto, invece, e vedere quale quota di prenotazioni sarebbe stata raggiunta.

Restano apertissimi alcuni dubbi di non poco conto, ad ogni modo.

Innanzitutto – che forma avrà la pubblicazione?

DVD e Blu-Ray, senza ombra di dubbio. Qualcuno parla di DVD, Blu-Ray e doppio CD; i più ardimentosi pontificano di un’uscita in pompa magna in doppio CD, doppio DVD, Blu-Ray e triplo o quadruplo vinile. Massì, esageriamo.

led zeppelin reunion 2007Poi, c’è la remota possibilità che oltre a questo ci sia altro che bolle in pentola? Eggià, perché gli spunti, per un pubblico tanto sconfinato quanto “affamato” come quello dei Led Zeppelin, ci sarebbero pure.

L’idea di una Reunion vera e propria nella prospettiva di un tour mondiale, caldeggiata da Page, Jones e Bonam (figlio…) e irremovibilmente osteggiata da Plant, è nell’aria proprio dal 2007, dopo che l’onda d’urto causata dell’esibizione alla O2 Arena si è rivelata devastante al punto da far urlare all’“evento del secolo” e alla “reunion del millennio”, tanto da indurre persino i membri della band – vuoi in onore all’antica e sempre viva alchimia, vuoi per omaggiare tanta incrollabile devozione da parte dei fans – ad accantonare la loro storica ritrosia a esibirsi assieme senza il defunto John Bonham dietro i tamburi. Sarebbe stato il coronamento di un sogno impossibile per moltitudini di persone che negli anni d’oro del gruppo non erano neppure nate.

Vero è, purtroppo, che Plant è sempre stato particolarmente netto nell’escludere la possibilità di una tournée sotto le insegne del glorioso Dirigibile, al punto di rifiutare con sdegno nientemeno che un’offerta da 250.000.000$ avanzata da un promoter internazionale.

Poi, c’è sempre pendente l’eterna Spada di Damocle led zeppelin live arena 2007degli inediti. Gli inediti. Una categoria dello spirito, nel caso dei Led Zeppelin. È vero che il grosso di quei brani tenuti nel cassetto è già stato dato alle stampe con Physical Graffiti (1974) e Coda (1982, postumo), ma si sa per certo di almeno altri 5 o 6 brani registrati in studio e mai pubblicati che a tutt’oggi costituiscono una chimera per tutti i devoti del gruppo: se ripescati e combinati con tutto l’armamentario di demo, alternate takes, versioni dal vivo e riletture di vecchi classici blues e rock che gli Zeppelin erano soliti sfoderare durante le loro distruttive esibizioni, è facile intuire come nelle stive del potente Dirigibile ci sia ancora un discreto quantitativo di materiale dal potenziale esplosivo mica da ridere. Abbastanza da tirar fuori un box set, a dirla tutta.

Difficile, anche qua, ma non impossibile: dopotutto nel 2003 tutti si attendevano il doppio DVD mentre invece alla fine saltò fuori anche il triplo CD dal vivo How The West Was Won, e c’è qualcuno (tra cui chi vi scrive) che ancora non si è del tutto riavuto dalla mazzata… who knows? I colpi di teatro sono una delle componenti essenziali della leggenda dei Led Zeppelin, per cui mai dire mai.

Appena 24 ore all’annuncio ufficiale, ad ogni modo. Forse anche meno. Pausa Caffè seguirà passo passo gli aggiornamenti e ve ne darà conto in tempo reale, per cui, come nei giorni precedenti, stay tuned!

Nessun commento

Lascia una risposta