Home Musica Le Luci della Centrale Elettrica: Terra è il nuovo disco di inediti...

Le Luci della Centrale Elettrica: Terra è il nuovo disco di inediti in uscita il 3 marzo

0

Il 2017 segna il ritorno negli store musicali de Le Luci della Centrale Elettrica con il disco Terra. Sebbene la notizia di un nuovo album di Vasco Brondi fosse già nell’aria da tempo, solo ora il lavoro discografico assume i suoi connotati con una copertina e una forma. Terra è un disco autoprodotto dallo stesso Brondi insieme a Federico Dragogna ed uscirà il prossimo 3 marzo sia in formato CD+libro che il formato vinile+libro. A descrivere Terra è proprio il cantautore ferrarese, che sui suoi canali web scrive:

TERRA uscirà a forma di libro. Dentro, oltre al disco, c’è il suo diario di lavorazione, si chiama “La grandiosa autostrada dei ripensamenti”, ed è un diario di viaggio e di divagazioni dell’anno e mezzo di scrittura e degli ultimi tre mesi di registrazioni in studio. È ambientato tra l’Adriatica e un’isola vulcanica, tra studi di registrazione seminterrati e paesi disabitati in alta montagna, tra la Pianura Padana, il Nord Africa e l’America.

Per Le Luci della Centrale Elettrica Terra rappresenta la quarta fatica discografica Cover Terra le luci della centrale elettricadopo Canzoni da spiaggia deturpata (2008), Per ora noi la chiameremo felicità (2010) e Costellazioni (2013). La sua copertina raffigura l’opera di land art “Seven Magic Mountain” di Ugo Rondinone e sulla scelta dell’immagine Brondi ha commentato:

Dalla prima volta che ho visto quest’opera su internet, qualche mese fa, ho capito che aveva a che fare con quello che stavo scrivendo. Si chiamano Seven Magic Mountains, sorgono nel deserto del Nevada, sono enormi e fosforescenti ma sono solo pietre accatastate l’una sull’altra. Fanno capire come gli esseri umani riescono a rendere spettacolare anche un deserto e contemporaneamente sono una metafora di Las Vegas, a mezz’ora di distanza, ovvero del niente luccicante. O della nostra terra, lo splendido deserto italiano visto con gli occhi di chi cerca di sbarcarci. È un’opera di Ugo Rondinone, un artista svizzero che vive a New York.

La fotografia invece è di Gianfranco Gorgoni, originario di un paese che si chiama Bomba in Abruzzo si è trasferito a New York negli anni Sessanta ed è diventato tra le altre cose un’importante fotografo di Land Art, quando questa forma d’arte non aveva ancora un nome. Ho scoperto anche che era sul palco a Woodstock e sono sue le foto di Jimi Hendrix durante quel concerto e anche molti dei ritratti leggendari di Basquiat o di Keith Haring. Io avevo in casa una sua foto in cui c’erano uno accanto all’altro De Chirico ed Andy Wharol, due mondi distanti vicinissimi“.

Nessun commento

Lascia una risposta