Home Cinema e Serie TV Johnny Depp confessa i problemi con l’alcool e di essere cieco come...

Johnny Depp confessa i problemi con l’alcool e di essere cieco come un pipistrello

0

Seri problemi di salute per Johnny Depp, che dopo essere stato coinvolto in un grave incidente sul set del suo ultimo film The Lone Ranger, si confessa ora al The Sun e dichiara di avere gravi problemi alla vista. Il suo problema parte dall’infanzia, da un difetto cronico all’occhio sinistro che con il tempo è peggiorato e che rischia di diventare sempre più grave, minando profondamente la vista dell’amato attore.

Il camaleontico Depp ha infatti raccontato di essere “quasi cieco, come un pipistrello… Se il personaggio che interpreto non porta gli occhiali, io non vedo nulla. E’ capitato per Jack Sparrow”.

Ha continuato poi a confessarsi, l’attore protagonista tra gli altri di tanti film di Tim Burton, parlando della sua relazione finita con Vanessa Paradis, durata 14 anni, e del suo “compagno” di sempre, l’alcool. Da quando si è lasciato con la cantante e modella francese infatti Johnny ha deciso di farla finita con il bere, da sempre suo grande demone.

“Non bevo più – ha detto al The Sun – Ho indagato per anni su vino e liquori, loro hanno fatto lo stesso su di me. Abbiamo scoperto che andavamo meravigliosamente d’accordo, forse perfino troppo. Per me l’alcool è sempre stato come una medicina … Quando è finita con Vanessa, ho sentito che era mio dovere essere totalmente lucido per attraversare quel momento”.

Una scelta quindi che sembra essere stata dettata dal suo Johnny Depp problemi vista alcoolamore per i bambini e soprattutto per l’importanza che i suoi figli ricoprono nella sua vita. “I ragazzi vengono prima di tutto, non puoi fargli da scudo, perché dovresti mentire, perciò devi essere onesto, dire l’assoluta verità”. E mentre si diffonde la notizia che Vanessa sia assediata da un misterioso corteggiatore francese, noi facciamo il nostro più caro in bocca a lupo a Depp affinchè possa uscire presto da questa empasse nella sua vita privata.

Nessun commento

Lascia una risposta