Incontrando Hermann: il nuovo lavoro dei Paolo Benvegnù

0
1435

Che Hermann sia il nuovo album dei Paolo Benvegnù, è assodato. Il riverbero associato alla sua uscita è degno del grande artista quale è Paolo e quali sono i musicisti che con lui formano questa band. Un disco che è andato a ruba nei negozi, sia in preordinazione che alla data di uscita ufficiale. E che si sta posizionando fra le prime posizioni della Top 10 FNAC (nel momento in cui vi scriviamo è secondo, ma siamo pronti a scommettere che entro il fine settimana raggiungerà il gradino più alto del podio).

Quello che però bisogna scoprire e capire bene, è cosa sia esattamente Hermann. O meglio ancora…chi!

Già, perché definire Hermann semplicemente un album è riduttivo ed errato. Riduttivo, perché in pieno stile Benvegnù ogni canzone è un flusso di emozioni e sentimenti ventrali, che affluiscono dallo stomaco al cuore, e che passando dalla mente portano a un profondo grado di riflessione. Ed errato, in quanto Hermann è qualcosa di più…è un essere etereo ma reale…dai contorni ben visibili.

A noi piace immaginare Hermann come un distinto signore, dall’incedere segnato dal tempo ed accompagnato da un bastone nodoso. Il viso scavato dalla ricerca continua, ma capace di trasmettere tutti i sentimenti: dalla paura all’amore…

Ecco, questo è Hermann. Un uomo di ritorno da un lungo viaggio attraverso le ere, le persone, le convinzioni, i problemi, le paure… e i sogni dell’uomo.

Ascoltando parlare Hermann attraverso le tredici tracce del disco, si respira a pieno non solo il Benvegnù cantautore. Ma anche i progressi e l’apporto di un gruppo coeso e capace di assegnare ad ogni canzone il giusto incidere e le melodie più avvolgenti. Capaci di stupire di brano in brano. Giochi di archi e chitarre che come giochi di luci ed ombre si intrecciano per dar vita ad ogni melodia: “come stelle che si attraggono per esplodere e creare”.

Il Benvegnù del passato si ritrova con Hermann “più maturo”, pronto ad abbandonare le atmosfere intime e personali che lo contraddistinguevano, per passare ad una dimensione più grande e sotto alcuni punti di vista più profonda e nobile: l’uomo. Un bisogno necessario quello dei Benvegnù, di analizzare questo momento storico e ripercorrere dal passato ciò che è veramente l’essere umano, quello che ha perso, che è diventato e ciò di cui non si rende conto. “dove sei? dove siamo? tutti in fila a scegliere uno stile che decide per noi; dominando il nulla il passato non si cancella, ma si doma con la masticazione ed abbiamo dimenticato lo spazio che sta intorno ed il corpo è più vorace di noi”. Così recita una strofa di Good morning, Mr.Monroe! Un pezzo dall’incedere marcato e dai sapori elettronici.

Ed è così che procede Hermann nei suoi racconti, fra atmosfere dettate da affascinanti arpeggi di chitarra, come Il pianeta perfetto e L’invasore (pezzi con cui si apre e termina il disco) e ritmi più accesi e coinvolgenti, come quelli di Moses, Il mare è bellissimo e Love is Talking. Ogni brano rappresenta quasi un tassello di un puzzle del genere umano. Raccontato attraverso i suoi miti e le sue leggende, elementi con i quali i Benvegnù ripercorrono le battaglie e le paure dell’uomo stesso. Uomo inteso in tutte le sue accezioni e in cui la donna trova il suo punto focale in Andromeda Maria. Brano dedicato alla sua creativa e alla possibilità creativa di quella parte femminile che risiede nel genere umano.

Ma Hermann è anche un attento osservatore, che narra fra le strofe di Io ho visto, le sfumature di un sogno contorto che risiede ormai da troppo tempo nelle mani dell’uomo..

Tutto questo e molto più è Hermann. Un lavoro che seduce e porta a riascoltarlo in rotazione continua. Da metabolizzare probabilmente un po’ per chi si imbatte la prima volta nei Benvegnù. Ma capace di regalare davvero intense emozioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here