Home Cinema e Serie TV Guerra agli Zombie: World War Z fa rivivere i non-morti

Guerra agli Zombie: World War Z fa rivivere i non-morti

“World War Z” tradotto sarebbe “Guerra Mondiale contro gli Zombie” e in effetti il titolo del film è tutto un programma, in cui un padre di famiglia di nome Gerry (Brad Pitt) cerca di salvare i propri cari prendendo parte a quella guerra contro la quale nessuna sembra poter fare nulla.

La pellicola è stata prodotta e interpretata dallo stesso Pitt, il quale imbattutosi nel romanzo di Max Brooks – il figlio del più famoso Mel, produttore del film Frankenstein Junior – decide di trasformarlo in un’opera cinematografica nella quale egli stesso prende in mano le redini del mondo, unica speranza per l’umanità.

In un’intervista dichiara che << cinque anni fa non sapevo nulla sugli zombi. Ora, mi considero un esperto. Il libro di Max tratta il genere degli zombi come la causa di una pandemia globale, che si diffonde tanto rapidamente quanto il virus SARS, a cui abbiamo assistito ultimamente. Che cosa succede quando si oltrepassano i limiti? Cosa succede se ci rendiamo conto che tutto ciò che per noi è importante diventa completamente inutile e se le strutture del potere e le norme sociali vengono cancellate? Come faremo a sopravvivere>>.

La stella di Hollywood vorrebbe dare vita ad un progetto in world war z recensione film brad pittcui la figura degli zombie sia esaltata ai massimi livelli, ma questo film è il diretto erede dei suoi più famosi predecessori, da Resident Evil a Walking Death fino a 28 Giorni Dopo, tutte opere nelle quali è presente lo stesso soggetto, quindi in questa nuova sfida ci saremmo aspettati di vedere qualcosa in più rispetto ai canoni già messi in atto.

La sindrome dell’eroe che cerca di salvare il mondo da solo sembra aver perso il proprio fascino, poiché sorge sempre di più il desiderio e il bisogno di affrontare le difficoltà non da soli ma impegnandosi tutti insieme affinché si trovi una soluzione.

Nessun commento

Lascia una risposta