Home Musica Giusy Ferreri torna con L’Attesa: il nuovo album di inediti del 2014

Giusy Ferreri torna con L’Attesa: il nuovo album di inediti del 2014

0

Giusy Ferreri torna con un nuovo album di inediti dal titolo L’Attesa. Il nuovo lavoro discografico arriva a distanza di ben tre anni dall’ultimo progetto in studio della cantante palermitana, Il mio universo (del 2011). L’Attesa è un disco che giunge a seguito della partecipazione di Giusy all’ultima edizione del Festival di Sanremo ed ha visto la luce negli store online e musicali lo scorso 25 marzo.

L’Attesa è un album dalle tinte pop, che vede la produzione di Pino Pischetola, Christian Rigano, Pat Simonini e la supervisione di Michele Canova. Il risultato è un disco che segna un po’ un cambiamento per Giusy Ferreri, più matura e ancora più intima rispetto al passato.

L’Attesa è frutto di una ricerca interiore che ha visto Giusy lavorare a fondo negli ultimi due anni, proprio al fine di trovare le giuste ispirazioni e i nuovi spunti per dare forma alle canzoni presenti nel disco. giusy ferreri l'attesa nuovo album 2014Infatti la gran parte dei testi delle canzoni sono scritti di suo pugno e sono nati, come riporta il sito ufficiale della cantante, da tre sessioni creative differenti.

La prima “dall’esperienza e dalla condivisione creativa con Linda Perry nel suo studio a Los Angeles“; la seconda “dal confronto creativo con il produttore israeliano Yoad Nevo a Londra” e la terza “in Italia dall’incontro con Roberto Casalino ed Ermal Meta”.

Per gli amanti delle tracklist eccovi a seguire l’elenco dei brani contenuti in L’Attesa:

  1. Inciso sulla pelle – 3:45 (Roberto Casalino)
  2. Nessuno come te mi sa svegliare – 3:55
  3. L’amore possiede il bene – 3:29 (Roberto Casalino, Niccolò Verrienti)
  4. Ti porto a cena con me – 3:54 (Roberto Casalino, Dario Faini)
  5. L’anima – 4:01
  6. Per dare di più – 4:30
  7. Victoria – 3:24
  8. Neve porpora – 3:37
  9. La bevanda ha un retrogusto amaro – 4:11
  10. Lacrime – 3:53
  11. Qualunque vita è straordinaria – 7:03 (Ermal Meta)

Nessun commento

Lascia una risposta